Caricamento...

Stipsi, Ragadi ed Emorroidi

Almeno il 10% degli italiani soffre di stipsi cronica e 8 casi su 10 riguardano le donne. Questo irritante disturbo funzionale, che produce un considerevole grado di sofferenza individuale con effetti persino sulle relazioni sociali e lavorative della persona, può essere curata con successo.

Il lavoro consiste dunque sulla mobilità del colon per ripristinare il movimento intestinale. La pratica osteopatica in questo caso può interessare il bacino, dove passa il colon, o anche le vertebre lombari, da cui partono le connessioni nervose con i visceri. Ma il lavoro più importante può essere fatto direttamente sull’intestino eseguendone uno “stretching” e ottimizzando la mobilità del diaframma per ridare al sistema quello che è il motore principale di tutto l’addome.

I consigli da osservare sia durante la sessione osteopatica che in seguito, in modo da prolungare gli effetti del trattamento, riguardano innanzitutto l’alimentazione: per cui bere molto, mangiare frutta e verdura e privilegiando cibi integrali. Pochi sanno, per esempio, che una dieta basata principalmente su prodotti a base di farina bianca raffinata è la causa principale di malnutrizione, costipazione, stanchezza e numerose malattie croniche.

Oltre all’alimentazione, è essenziale correggere il proprio stile di vita a partire dalla respirazione, non solo in riferimento alla frequenza respiratoria, ma soprattutto alla corretta mobilità del diaframma, associato ad una corretta spinta addominale durante l’evacuazione.

Con poche sedute si riuscirà a migliorare l’evacuazione, evitando il dolore in presenza di ragadi ed emorroidi.

Ritorno all'elenco