Caricamento...

SEF: stimolazione elettrica funzionale

L’elettrostimolazione (SEF) produce a livello del nervo periferico una depolarizzazione di membrana che si traduce nella nascita di un impulso nervoso e,  conseguentemente, nella contrazione di un muscolo (stimolazione indiretta). Se la variazione dell’intensità di corrente è applicata direttamente ad un muscolo (stimolazione diretta), si osserva ugualmente una depolarizzazione di membrana e una successiva contrazione. L’aumento di forza muscolare indotta dalla stimolazione elettrica riconosce gli stessi meccanismi alla base del rinforzo muscolare perineale indotto dall’esercizio terapeutico.

Il flusso di informazioni generato dallo stimolo elettrico e dai fenomeni da esso scatenati sembra possa dar luogo oltre che all’eccitazione neuro-muscolare ad altri due importanti effetti: facilitazione della motilità volontaria; quando la stimolazione elettrica viene applicata ad un gruppo muscolare deficitario; miglioramento del controllo neuromotorio (dopo un congruo numero di applicazioni). Quando l’elettrostimolazione non agisce soltanto sul trofismo muscolare ma anche sul controllo neuromotorio si può parlare di elettrostimolazione funzionale.

Ritorno all'elenco